Day

Dicembre 15, 2019

ANCONITANA CORSARA A SERVIGLIANO


L’Anconitana vince la battaglia nel fango del Settimi di Servigliano e conquista tre punti d’oro per la rincorsa al primo posto. In un campo ben al di là dei limiti della praticabilità e dove a fatica si riesce a giocare a calcio la squadra del Presidente Stefano Marconi sfodera una prestazione gagliarda e tira fuori il carattere per superare l’ostacolo. Sotto di un gol i dorici riacciuffano il pari a fine primo tempo con la prima rete di Liccardi in biancorosso a segno nel giorno dell’esordio. Nella ripresa mettono la freccia con la rete di Ambrosini. Ma i locali si rifanno sotto e pareggiano a dieci minuti dal termine e ci vuole il jolly di Giambuzzi che vale la partita. La seconda vittoria consecutiva porta i dorici a -5 dalla vetta grazie al mezzo passo falso dell’Atletico Gallo con la Vigor Senigallia. Anche se non è tempo di fare calcoli perché l’Anconitana sa bene che il suo compito è quello di vincere tutte le partite.
Mister Marino cambia modulo e getta nella mischia dal primo minuto tutte le new entry. Nel 4-4-2 De Fabritiis va al centro della difesa con Trombetta con Pierdomenico a destra e Micucci sulla mancina. Basualdo affianca capitan Visciano in mezzo al campo, confermato Fiore largo a destra con Mansour a sinistra. La coppia d’attacco è invece formata da Liccardi e Ambrosini.
Il San Marco si poggia sull’esperienza dell’ex Mallus in difesa e di Guido Galli in attacco. Mister Morrealea disegna un 4-3-3 ma si difende con 10 uomini sotto la linea della palla e prova a ripartire.
Una tattica che favorisce i locali che si coprono e disinnescano tutti i pericoli, o quasi, creati dai biancorossi anche se rischiano grosso su un tiro di Mansour dai sedici metri che si infrange sul muro eretto dalla difesa. Poi al 23′ mettono la testa fuori dal guscio e in contropiede guadagnano un calcio di rigore. Mattioli si invola, Battistini lo affronta al limite dell’area e lo aggancia. La direttrice di gara concede il penalty tra le proteste della panchina dorica per un dubbio fuorigioco. Damiano Morra viene allontanato per essere entrato sul rettangolo verde. Dal dischetto va Galli. Battistini para deviando la sfera sulla traversa ma lo stesso Galli è il più lesto e ribadisce in rete. La reazione dorica è veemente. Prima Ambrosini suona la carica con un tiro cross che andava solo spinto in rete ma Liccardi e Basualdo mancano di un soffio la deviazione vincente. Che arriva nel finale di tempo. Su cross di Pierdomenico dalla destra Liccardi stacca sul primo palo e di testa gira in porta il gol del momentaneo pareggio. Il Toro bagna il debutto andando subito in rete e riaccende le speranze dei biancorossi.
Nonostante il campo ormai allentato e le difficoltà a rimanere in piedi, i dorici fanno la partita nella ripresa e al 21′ raccolgono quanto fatto di buono con Ambrosini. Dopo l’ennesima mischia nell’area locale Magnanelli alimenta l’azione colpendo di testa sulla trequarti. È un assist per Ambrosini che addomestica e da posizione defilata incrocia un diagonale preciso e potente che fulmina il portiere.
Il San Marco reagisce e trova il pari con Mattioli che si ritrova la palla nei piedi dopo una mischia e batte Battistini sotto misura. Poi nell’esultanza si toglie la maglia e si becca il secondo giallo. I dorici non ci stanno e tornano all’attacco. Mansour mette un cross sulla testa di Giambuzzi che impegna il portiere. È il preludio al gol dell’argentino che al 39′ calcia al volo dal limite una palla respinta dalla difesa e con un bomba, che Testa guarda immobile insaccarsi in porta, conquista l’intera posta.
Un risultato importante, raggiunto su un campo impossibile che poteva diventare una trappola pericolosa per la squadra dorica che dedica la vittoria al suo portiere Andrea Battistini che ha perso il papà ad inizio settimana e che prima del fischio d’inizio ha ricevuto un mazzo di fiori dagli ultras per dimostrare anche la loro vicinanza.

San Marco Lorese 2
US Anconitana 3

SAN MARCO LORESE (4-3-3): Testa; Dano (23st Tracanna), Aliffi, Mallus, Pompei (44st Simonelli); Iuvalè, Gesué, Censori (39st Paglialunga); Frinconi (23st Fuglini ), Galli, Mattioli.

All. Morreale

ANCONITANA (4-4-2): Battistini, Pierdomenico, De Fabritiis, Trombetta (23′ Mercurio), Micucci; Fiore, Visciano, Basualdo (8′ st Magnanelli), Mansour; Ambrosini, Liccardi (25′ st Giambuzzi).

All. Marino.

ARBITRO Curia di Ascoli

RETI 23′ Galli, 46′ Liccardi, 21′ st Ambrosini, 35′ st Mattioli, 39′ st Giambuzzi.

NOTE Spettatori 500 circa; al 23′ Battistini para rigore a Galli; Espulsi al 23′ Morra (team manager dell’Anconitana) per proteste, al 35′ st Mattioli per doppia ammonizione. Ammoniti: Battistini, Fiore, Censori, Frinconi, Basualdo, Gesuè. Angoli 3-2. Recuperi pt 2′, st 5′.