Day

Settembre 16, 2019

Buona la prima dell’Anconitana, battuto l’Urbania

L’Anconitana parte con il piede giusto e vince sull’ostico campo dell’Urbania. Davanti ad un migliaio di spettatori di cui almeno una metà di fede biancorossa la squadra del Presidente Stefano Marconi riprende da dove aveva lasciato. Decide il gol di Magnanelli che realizza al volo in avvio di ripresa. Un gol bello e importante che consente ai dorici di aggiudicarsi l’intera posta all’esordio nel campionato di Eccellenza. Il risultato resta aperto fino al triplice fischio, ma più per la scarsa vena realizzativa dei biancorossi che per i pericoli creati dai locali che non chiamano mai veramente in causa il portiere Battistini. In campionato Ciampelli torna al 4-3-3 dopo il 4-4-2 utilizzato in coppa. Trombetta e Borghetti mettono la museruola a Sacchi, capocannoniere in carica della Promozione, e sulle fasce Micucci e Terranova, terzino del 2002 che debutta in prima squadra, concedono solo le briciole agli avversari. Nella zona nevralgica del campo agisce Bruna, scortato da Visciano e Magnanelli che garantiscono dinamismo e inserimenti. Nel reparto avanzato le frecce Giambuzzi e Mansour hanno il compito di supportare il centravanti Ambrosini.

L’Anconitana parte subito forte ma non sfonda e la battaglia si sposta a centrocampo dove l’Urbania con aggressività e raddoppi prova spegnere sul nascere le iniziative dei biancorossi. Ma senza rischiare nulla sono gli ospiti ad avere le migliori occasioni.

 

In particolare Giambuzzi dà solo l’illusione del gol quando conclude al volo sull’esterno della rete da posizione favorevole su cross di Ambrosini.

Il risultato non si sblocca ma l’Anconitana dà l’impressione di essere padrona del gioco e nel secondo tempo entra in campo più determinata. Mansour è una spina nel fianco per i locali. Entra in area, rientra sul destro e impegna severamente il portiere Stafoggia che si supera sulla sua conclusione ma non può nulla sul gran tiro il volo di Magnanelli che di sinistro raccoglie nel cuore dell’area e spedisce sotto la traversa. I dorici insistono ed è sempre Mansour a sfiorare il raddoppio ma dopo essersi bevuto mezza difesa, quando prova ad infilare il portiere il palo gli nega la gioia. Ci prova allora Ambrosini in tre occasioni: sulla prima il portiere si accartoccia sulla conclusione rasoterra, mentre nella seconda sfiora l’incrocio dei pali senza fortuna. La terza è un rigore in movimento offerto da Zaldua ma l’attaccante non centra lo specchio. Non arriva il secondo gol, ma al triplice fischio e l’Anconitana gioisce. Una vittoria necessaria per partire nel modo giusto che i dorici festeggiano abbracciando i propri tifosi numerosi e calorosi come sempre.

TABELLINO INCONTRO

URBANIA-ANCONITANA 0-1
URBANIA (4-3-1-2): Stafoggia; Rossi M., Renghi, Temellini, Rossi A. (34’ st Lucciarini); Bicchiarelli (44’ st Corsini), Giovanelli (17’ st Patrignali), Labate; Bozzi (38’ st Cantucci); Sacchi L., Fraternali. All. Guidi (squalificato Pazzaglia).
ANCONITANA (4-3-3) Battistini; Terranova (27’ st Bordi), Borghetti, Trombetta, Micucci; Visciano, Bruna (40’ st Zaldua), Magnanelli; Giambuzzi (17’ st Cameruccio), Ambrosini, Mansour (27’ st Marzioni). All. Ciampelli.
ARBITRO: Santoro di Pesaro.
RETE: 2’ st Magnanelli.
NOTE: spettatori 1000 circa. Ammoniti: Giovanelli, Labate, Patrignali e il dirigente Nanni in panchina. Angoli: 1-7. Recupero: pt 0’, st 3’.